Breaking news
30 Luglio 2019

Al “Bagno Sirena”

19 Luglio 2019

Adele non vola

25 Giugno 2019

La Cala del Leone

20 Giugno 2019

Veleno

17 Giugno 2019

Una corteccia di quelle

Rinunciare

Rinunciare

Ti capita mai di pensare che ciò che tutti cerchiamo ostinatamente è sempre ciò che abbiamo sotto il naso?
Rincorriamo la facile soluzione.
Tuttavia, quando questa ci si piazza davanti agli occhi, la rifiutiamo come se fosse la peggiore delle scelte che potesse toccarci.

La facile soluzione, per me, è farsi semplici domande: “Come stai? Cosa ti farebbe stare meglio?”
Ma ciò che voglio di solito non è facile.
Facile sarebbe rinunciare.
Facile sarebbe accantonare in un angolino quei pensieri piccolissimi che si insinuano nella parte migliore di me.
Facile sarebbe abbandonarsi, sollevare i piedi e smetterla di tenerli piantati in un posto che non ti riconosce più.
Facile è, per me, dirsi la verità, sempre, e qualunque sia.

Ma la facile soluzione, ora, prosciugherebbe la parte migliore di me. Lentamente, senza che io me ne accorga, la lascerei volare via, leggera come è sempre stata.
La parte migliore di me è una bambina. Ha persino paura di pronunciare il suo nome. E`legata a un mucchio di palloncini. Le folate di vento della mia anima la sollevano lentamente, il tuo amore per me le permette di rimanere in alto e allo stesso tempo di non perdere d’occhio la terra.
Sarebbe un brutto guaio per lei allontanarsi troppo. Non potrei più trovarla e la parte peggiore avrebbe il sopravvento.

La parte peggiore di me è un cubetto di ghiaccio.
La bambina riesce a smussare i suoi angoli a poco a poco. Che lavoro lento e faticoso che fa.
Per ogni delusione, per ogni pericoloso pensiero che sfiora la mia mente, il cubetto cresce e la forza della bambina rallenta.
Ogni tanto, lei stessa, pur così ostinata, dubita di potercela fare.

Facile sarebbe consigliare alla bambina di non pensarci più, di non ostinarsi, di scegliere un cammino meno tortuoso.

La verità, però, è che non dipende davvero da me. Sono codarda e un po’ di volte ho tentato di dissuadere la bambina. Ma devo ammettere che ha il coltello dalla parte del manico.
Quando alzo su di lei il mio dito accusatore e la mia parte adulta e un po’ antipatica le ripete, per l’ennesima volta, “te l’ avevo detto”, lei sorride.
Mi guarda, sfidandomi, e continua a sorridere.
L’avrà vinta anche stavolta, e lo sa.
Sa bene che non la lascerei mai morire. Che piuttosto, morirei con lei.

Contatore

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Breaking news
30 Luglio 2019

Al “Bagno Sirena”

19 Luglio 2019

Adele non vola

25 Giugno 2019

La Cala del Leone

20 Giugno 2019

Veleno

17 Giugno 2019

Una corteccia di quelle