Breaking news
18 Ottobre 2019

Stammi Vicino

17 Ottobre 2019

Non ci ritorna la marea

16 Ottobre 2019

I tuoi occhi azzurri

8 Ottobre 2019

Isolane

24 Settembre 2019

L’armonia del tuono

23 Settembre 2019

Quando scrivo…

Era solo un quadro

Era solo un quadro

L’amore?

Mi sono sempre chiesta che cosa sia l’amore. È bene, affetto, è quando senti le farfalle!? – almeno così ci dicevano quando eravamo piccine, con ricordi confusi misti alla ricerca del principe azzurro sul cavallo bianco.

Sono sempre stata attenta ai discorsi con le mie amiche, ai racconti delle loro bellissime storie d’amore (io sono sempre stata la più sfigata di tutte) in cui l’amore veniva definito quasi come se fosse un quadro dai mille colori, in cui non vi era un soggetto definito raffigurato, ma un arcobaleno. Sfumature di colori.

A pensarci, l’amore è proprio così: una sfumatura di colore.

Non è bianco, non è nero, non è grigio, è colorato.

È fatto di rabbia, di gioia, di passione…bhe è un gran casino, no!?

Per non parlare di tutti quegli amori che non sono ricambiati! Che colore potremmo dare loro? Alcuno, credo, ma tutti. Perché sono allo stesso modo appassionati, e quando di passione ve n’è troppa allora i colori si confondono, e da quando pensavi di usare un solo colore alla fine del disegno ti rendi conto di averne usati tutti.

Questo è quello che è accaduto a Elena!

Ha iniziato a disegnare sulla sua tela con una matita grigia, definiva in maniera quasi scientifica i contorni, nemmeno le sfumature voleva rappresentare perché le considerava già elemento di profondità, quindi nulla… era tutto bianco con queste linee così calcate e nere.

Le davano sicurezza, perché aveva le idee ben chiare su che cosa avesse in mente.

Poi il tempo è passato, e pian piano senza che nemmeno se ne accorgesse, le linee iniziavano ad avere tinte diverse, indaco, blu, viola, rosso, giallo, verde.

Non erano più dritte e calcate, quasi da dare una sensazione di inquietudine, ma erano morbide, curvilinee, sinuose tanto da ricordare due corpi che si confondevano tra di loro.

Da quel grigio che imperava si fece spazio ad un’esplosione di colore che evocava il piacere di quei due corpi che prendevano forma su quella tela: c’era il desiderio di lei che si teneva a lui, lo stringeva e lo amava, e c’era tutta la fame di lui per lei.

Erano umani? Erano animali? Cosa c’era raffigurato?

Di sicuro c’era tutta la natura della passione rappresentata, se fosse amore a chi sta giudicarlo?

Contatore
  • 13
    Shares

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Breaking news
18 Ottobre 2019

Stammi Vicino

17 Ottobre 2019

Non ci ritorna la marea

16 Ottobre 2019

I tuoi occhi azzurri

8 Ottobre 2019

Isolane

24 Settembre 2019

L’armonia del tuono

23 Settembre 2019

Quando scrivo…