Breaking news
30 Luglio 2019

Al “Bagno Sirena”

19 Luglio 2019

Adele non vola

25 Giugno 2019

La Cala del Leone

20 Giugno 2019

Veleno

17 Giugno 2019

Una corteccia di quelle

Musicando i colori della solidarietà

Musicando i colori della solidarietà

In Italia 5 milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta, 13 milioni devono rinunciare alle cure mediche, perché sopravvivono con una pensione minima o non hanno continuità di reddito.
Eppure, tutte le forze politiche hanno scelto di ridurre l’emergenza sociale a una questione di ordine pubblico e affrontarla con una stretta securitaria senza precedenti.
In alcune città si sanzionano coloro che rovistano tra i rifiuti, si rende “colpevole” chi a tale comportamento può essere costretto solo dalla fame o dall’estremo bisogno.
Occuparsi con umanità dei migranti in alcuni momenti è stato considerato un atteggiamento di cui vergognarsi, aiutare è diventato sinonimo di malaffare e in alcuni frangenti ad alcune persone è stato addirittura imputato come reato.
Si sta legittimando il reato di solidarietà criminalizzando chiunque aiuti le persone in difficoltà, in poche parole, «far pagare la povertà».
Guerra ai poveri e non alla povertà, quindi, costruendo ed alimentando un clima di odio e rancore. Questi i giorni nostri?


Musicando


Musica il luccio che conforta
i derelitti sulla riva del fiume.
Musica il mormorio della cena del povero
che siede alla tavola del suo vicino.
Musica sono i passi in punta di piedi
che vanno a scrutare l’amore che dorme.
Musica sono i pianti del lupo
che azzanna il seno alla madre.
Musica sono i silenzi di chi sa ascoltare
il lamento di un depresso.
Musica la scena del compagno
che rialza il compagno caduto.
Musica è la vista del cane
che guida per strade sconosciute.
Musica è il tempo trascorso
con chi ha il tempo che sfugge.
Musica è la nascita di una poesia
quando sembra non ci sia più nulla da dire.
Musica la catena umana che leva dal mare
il clandestino senza remi e senza patria.
Musica è il coraggio di chi grida no
mentre in alto si eleva un coro di si.
Musica è un dottore che strappa
alla morte un cuore strappato.
Musica è l’atleta che si rialza e continua
alla ventesima caduta.
Musica è il triste che canta alla luna
col bicchiere alto in compagnia dell’amico.
Questa si chiama musica,
musica per le mie orecchie.

 

Contatore
  • 97
    Shares

2 Comments

  1. Salvatore Guarracino Novembre 18, at 16:39

    In Italia 5 milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta, ma i poveri sono 13 milioni che appunto, devono rinunciare alle cure mediche, perché sopravvivono con una pensione minima o non hanno continuità di reddito. Eppure, tutte le forze politiche guardano alla crescita di mercati e alla globalizzazione scegliendo di ridurre l’emergenza sociale a una mera questione di un fatto privato!

    Reply
  2. Salvatore Guarracino Novembre 18, at 16:44

    Le ideologie (clero, politica, e sette) con la menzogna stanno spostando i popoli dove conviene per sfruttare l'umanità a seconda delle esigenze carpendo la credulità appunto con le menzogne o nascondendo le verità coerenti magari eludendo i dettagli!

    Reply

Leave a Reply

Breaking news
30 Luglio 2019

Al “Bagno Sirena”

19 Luglio 2019

Adele non vola

25 Giugno 2019

La Cala del Leone

20 Giugno 2019

Veleno

17 Giugno 2019

Una corteccia di quelle