Breaking news
19 luglio 2018

La prima notte di nozze

17 luglio 2018

Monique

16 luglio 2018

L’ultima cena

6 luglio 2018

L’inutile

Cytrus Tea

Con l’avvicinarsi della stagione estiva, il Maestro Oste dell’ ExSalumeria48-BarTeatrozero, ha ben pensato di offrire ai propri ospiti un twist del celebre Long Island Iced Tea, cocktail che leggenda ritiene sia nato durante il periodo del Proibizionismo statunitense, e composto dal maggior numero di basi alcoliche possibili, con l’aggiunta di coca cola per farlo sembrare un innocente tè e sfuggire ai controlli delle autorità federali. In realtà, per quanto sia carina questa storia, è altamente improbabile che tutto questo sia avvenuto, dato che durante il Proibizionismo reperire tutti gli ingredienti sarebbe stato molto difficile.

La sua creazione, quasi certamente,  si deve a un barman newyorkese, Rosebud Butts, che lo ideò mentre lavorava in un locale della città di Babylon, sull’isola di Long Island appunto.

Il cocktail divenne così popolare da aver originato tutta la serie degli Iced Tea, in cui possiamo inserire a pieno titolo anche il Cytrus Tea, la proposta speciale per questo mese di Maggio ad opera dell’ExSalumeria48.

Composto in parti uguali da vodka alla vaniglia, gin, limoncello cui si aggiungono succo di limone, sciroppo di zucchero e un tocco finale di soda al tè verde e gelsomino, sembra sulla carta una proposta ideale per le giornate in cui si desidera bere qualcosa di molto dissetante e, al contempo, non banale.

Nello specifico, il buon Maestro Oste ha deciso di impiegare la Vodka Stolichnaya alla vaniglia e il limoncello Pallini, per poi bilanciare l’eccessiva dolcezza della prima con un classico gin dry, il Bankes.  Osservando la preparazione, dopo  l’aggiunta di soda al tè verde e gelsomino preparata per l’occasione, è effettivamente visivamente identico, salvo che per il colore, al classico Long Island Iced Tea di cui in incipit.

Viene servito in bicchiere alto e guarnito con limone essiccato. Si beve con cannuccia.

E’ giunto quindi il momento di raccontarvi le sensazioni trasmessemi durante la prova del Cytrus Tea, il cui nome rimanda ovviamente al limoncello, prodotto della nostra amata e soleggiata terra.

All’olfatto, promana un intenso limone di Sorrento che sfuma su una delicata vaniglia ben amalgamata a tratti erbacei di tè verde, gelsomino e una piacevole nota di camomilla. Si presenta fresco, vivace, molto armonico, con nessuna componente prevaricante. La nota citrica è evidente ma, appunto, ben integrata e assolutamente non invasiva, come dovrebbe essere sempre.

Al primo sorso colpisce subito per una gradevole freschezza, risultando piacevolmente estivo. Inizialmente più citrico, ma è una sensazione che dura pochi istanti. Il tratto agrumato infatti ben si fonde alle note più aromatiche del gin, che gli dona anche un bilanciamento su note più dry. E’ possibile cogliere, infatti, anche arance candite e un piacevole tocco di spezie. In questo connubio di sentori, si percepisce una delicata vaniglia, proveniente sicuramente dalla vodka di cui prima. La soda al tè è evidente ma ben integrata, senza risultare prevaricante ed anzi complementare al tutto, rilasciando fresche note di tè verde che risultano essere molto piacevoli.

La persistenza è breve, come i temporali estivi.

In conclusione, lo trovo un twist del Long Island Iced Tea molto gradevole ed interessante, altamente consigliato per questo periodo, nonostante le temperature non si siano ancora assestate.

Per come è strutturato, è un drink “All Day“, quindi non fatevi alcun problema a berlo come aperitivo o, semplicemente, come alternativa alcolica al classico tè freddo.

Contatore
  • 10
    Shares

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Breaking news
19 luglio 2018

La prima notte di nozze

17 luglio 2018

Monique

16 luglio 2018

L’ultima cena

6 luglio 2018

L’inutile