Breaking news
13 dicembre 2018

L’anello

6 dicembre 2018

Giochi d’infanzia

5 dicembre 2018

Nascondino

22 novembre 2018

Cara Santa Lucia

20 novembre 2018

Un raggio di sole

16 novembre 2018

Ho smarrito il destinatario

Diversamente estate

Diversamente estate

Arriva l’estate, arrivano le ferie, arriva il tempo di fermare le nostre angoscie, i pensieri cupi, le difficoltà quotidiane, le notizie del telegiornale…
Non sono più quelle estati dei viaggi nell’auto senza l’aria condizionata e il radiatore che bolliva, fermi sul ciglio della strada, le lunghe code in autostrada, il finestrino abbassato e lo stereo a farci compagnia, la Marlboro perennemente accesa che appestava l’abitacolo.
Rimangono sempre estati, sole e mare, debiti per la vacanza pure quando si arriva fuori porta, forse due settimane al massimo e non perchè le fabbriche riaprono, tanto quelle non chiudono e chè poi, nel tempo, la grande maggioranza non ha aperto proprio più.
Non più i fantastici anni ’60, ma gli stanchi anni del Duemila, con meno salvagenti ma più morti in mare
Non più l’estate operaia della Fiat o della Marelli, siamo oramai alla solita, di questi tempi, estate precaria.
Arriva l’estate, arrivano le ferie, arriva il tempo di fermare le nostre angoscie, i pensieri cupi, le difficoltà quotidiane, le notizie del telegiornale…
Non facciamoci prendere però dallo sconforto: i ricchi sono sempre di più e sempre più ricchi e la loro estate dura tutta l’estate e non si va più in autostrada, che pure quella è precaria come i ponti instabili. Si viaggia, si vola, si parte e non si sa quando si torna, chè, poi, chi se ne frega di tornare. Non ci sono più fabbriche da riaprire. Sono sempre aperte. O sempre chiuse.


C’è solo il fresco della rugiada
a pulire le scorie dei villeggianti.
Gabbiani come galli di mare
lanciano i loro striduli buongiorno.
L’aereo last minute
ha preso il posto della fuoriserie
e le signore impomatate
non bruciano più al sole
i loro amori.
Che roba, Contessa!
Le fabbriche non chiudono più
a ferragosto,
Aldo le ha già chiuse mesi prima.
Il tempo è impazzito
e i pazzi passano più tempo
ad ammazzarsi.
Al bar sulla rotonda
è vietato salire scalzi
e i seni nudi, anche i più belli,
non paiono graditi.
Infradito, canotta e ceretta,
vanno i ragazzi al Lido
e a Capaci la targa ricordo è annerita
e nessuno ricorda perché ci sia.
Sopra la panca vive il drogato
e sotto la panca il suo cane bastonato.
La chiesa dei poveri chiude per ferie
e le anime perse non si ritrovano.
Salve regina, venga il tuo regno
così, tanto per fare una festa.
C’è una coppietta al chiaro di luna
e un battaglione che avanza per Gaza.
E gira il mondo facendo la guerra.
E c’è sempre più gente
col culo per terra.
Solo il fresco della rugiada
pulisce le scorie dei villeggianti.
E i gabbiani vanno e vengono,
con i loro striduli versi,
a ricordare la penuria del mare
e il banchetto in discarica
che si apprestano a fare.

 

Contatore
  • 76
    Shares

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Breaking news
13 dicembre 2018

L’anello

6 dicembre 2018

Giochi d’infanzia

5 dicembre 2018

Nascondino

22 novembre 2018

Cara Santa Lucia

20 novembre 2018

Un raggio di sole

16 novembre 2018

Ho smarrito il destinatario