Breaking news
18 Ottobre 2019

Stammi Vicino

17 Ottobre 2019

Non ci ritorna la marea

16 Ottobre 2019

I tuoi occhi azzurri

8 Ottobre 2019

Isolane

24 Settembre 2019

L’armonia del tuono

23 Settembre 2019

Quando scrivo…

Chissà domani

Chissà domani

Con il disgusto di chi era cresciuto nella rassicurante e monotona borghesia di provincia, Filippo aveva sviluppato sin da piccolo dei potenti anticorpi nei confronti dell’abitudine, che si adattavano a lui man mano che cresceva: mai lo stesso gioco per più di qualche giorno, diverse compagnie di amici da frequentare a periodi alterni, poligamia e relazioni fugaci come regola di base nei rapporti amorosi.

Questa avversione al conosciuto, alla sicurezza e alla comodità aveva fatto di Filippo, prima, un bambino curioso e, poi, un uomo sempre alla ricerca del nuovo. Questa attitudine lo avvicinò in breve tempo alla infelicità, nutrita dall’impossibilità pratica di inseguire quotidianamente qualcosa di diverso dall’ieri. Sul lavoro i suoi successi e il raggiungimento degli obiettivi si rivelarono sempre un’occasione di fuga, come il punto di arrivo ad un binario morto o ad un muro invalicabile.  

Nei rapporti con le donne Filippo portò all’estremo questa sua natura: non sapeva fare a meno di perdersi nello sguardo di una sconosciuta incontrata per strada, al bar, in metropolitana. Il suo indugiare negli occhi di ogni donna rappresentava l’atto di personale ribellione nei confronti di regole sociali che volevano obbligarlo a essere ciò che più lo ripugnava, fedele a una sola persona al mondo, lui che non era rimasto fedele nemmeno a se stesso neanche un giorno della sua vita. Utilizzava lo sguardo come arma principale di conquista perché, sosteneva, non c’è niente di più intimo, oltre il contatto fisico, che fermare i propri occhi in quelli di un’altra persona. Ciò che viene dopo nasce da sé, con gesti e parole che non hanno nulla di originale e unico rispetto a ciò che traspare dagli occhi. Ogni sguardo è una lotta tra spade affilate, e ogni occasione che ne nasce è un inizio, talvolta rivelatore di un incontro grandioso, altre volte ingannatore, celante una vacuità mascherata da occhi blu cobalto.
Innamorarsi ogni volta, far crescere un sentimento e disfarlo dopo poco, come Penelope con la sua tela. È così che ha rovinato l`amore sincero di molte donne, facendolo scoppiare, all`improvviso. Filippo possiede occhi che ingannano, miti, che ricercano una prima volta, ogni volta.

Contatore
  • 29
    Shares

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Breaking news
18 Ottobre 2019

Stammi Vicino

17 Ottobre 2019

Non ci ritorna la marea

16 Ottobre 2019

I tuoi occhi azzurri

8 Ottobre 2019

Isolane

24 Settembre 2019

L’armonia del tuono

23 Settembre 2019

Quando scrivo…