Breaking news
19 Maggio 2020

2039. Estate

30 Aprile 2020

Innamorati

23 Aprile 2020

Vitello tonnato

20 Aprile 2020

Finestre

17 Aprile 2020

Tiramisù al portone

16 Aprile 2020

Fuori è primavera

Quando impari a fregartene…

Quando impari a fregartene…

Vi siete mai trovati in una situazione di confusione nella vostra vita? Dove gli eventi si susseguono e vi rapiscono come un vortice, ma che non riuscite né a dormarli e né a esserne protagonisti. Praticamente siete delle comparse e che se va bene riuscirete a dire qualche battuta, altrimenti osservate in silenzio.

Più o meno è quello che è capitato ad Alice.

Alice aveva tutto sotto controllo, e voleva averlo, era abituata a gestire le proprie emozioni, le relazioni quelle di lunga durata e gli incontri occasionali.

Faceva in modo che l’indomani tutti la cercassero e la desiderassero. Chissà forse era proprio per mascherare una latente timidezza e insicurezza. Sta di fatto che quando si metteva in testa una cosa, non c’erano ostacoli che la frenassero…

Il tempo, si suol dire, scalfisce i caratteri e gli animi, ma non il temperamento.

Bene, il tempo avevo limato questa smania di Alice, questa insaziabile ambizione con sé stessa e sete di ottenere per forza qualcosa.

Era stanca e aveva deciso di sedersi e osservare in silenzio, in poche parole iniziava a fregarsene.

All’improvviso si era trovata ad un nuovo punto di partenza, con un nuovo lavoro, nuove persone che erano entrate nella sua vita. Eppure Alice non si sentiva la protagonista. No!

Si guardava attorno e quei discorsi che prima la caratterizzavano, ora non le appartenevano quasi come se fossero stati pensati da un’altra persona. Quegli amori per cui avrebbe dato tutta sé stessa, ora li vedeva come dei meri ricordi lontani che non le strappavano un sorriso, ma nemmeno una lacrima. Quelle amicizie decennali da sempre suoi punti di riferimento, erano ora viste come dei ponti, incerta sulla stabilità.

Era in un bel terremoto emozionale, e si sentiva anche stupida in questo.

Il lavoro, gli amanti, gli amici, la famiglia tutti avevano qualcosa da rimproverarle, tutti avevano qualcosa da criticarle, e tutti la volevano attenta, presente, reattiva.

Invece, lei avrebbe voluto mandare tutto all’aria e godersi una faticosa solitudine conquistata.

Obblighi per cui vuoi o non vuoi devi mostrarti, felice o triste ha poca importanza agli occhi degli altri.

Tutti si aspettavano una risposta da Alice. Tutti.

E lei non le aveva.

Sopraffatta, decise di osservare e di rimanere in silenzio, le sembrò la migliore soluzione in attesa di aver qualcosa da dire.

Contatore
  • 27
    Shares

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Breaking news
19 Maggio 2020

2039. Estate

30 Aprile 2020

Innamorati

23 Aprile 2020

Vitello tonnato

20 Aprile 2020

Finestre

17 Aprile 2020

Tiramisù al portone

16 Aprile 2020

Fuori è primavera